Keyword Stuffing: Cos’è E Come Evitarlo Per Non Incorrere In Penalità

la definizione di “keyword stuffing” si riferisce ad una pratica Black Hat SEO che era molto in voga in passato e consisteva nell’utilizzare un gran numero di parole chiave diverse e non correlate sulla tua pagina o sito Web al fine di aumentare artificialmente il tuo posizionamento nelle pagine dei risultati dei motori di ricerca (SERP).

Questo può essere fatto ripetendone una parola più e più volte nel tuo contenuto, o usando un mucchio di parole che non hanno alcuna connessione tra loro.

Oggi Google considera il keyword stuffing una tattica SEO di bassa qualità perché aumenta artificialmente il numero di volte che il vostro sito web appare nei risultati di ricerca quando specifiche parole chiave vengono cercate dagli utenti.

In contrasto con il keyword stuffing, il “keyword targeting” si riferisce alla pratica di usare una specifica parola chiave o frase nel tuo contenuto per aiutare gli utenti a trovare ciò che stanno cercando.

Ecco come funziona: Usate una parola chiave specifica nel vostro contenuto per aiutare gli utenti a trovare ciò che stanno cercando. Se hai una pagina sui film, per esempio, potresti includere una parola chiave come “film” o “film” nel contenuto della tua pagina per aiutare gli utenti a trovare la tua pagina.

In questo articolo imparerai cos’è il keyword stuffing, perché era considerato una cattiva pratica in passato, e come si possono ancora usare le parole chiave ma in modo meno aggressivo.

Cos’è Il Keyword Stuffing

Il keyword stuffing è una tecnica che veniva usata sopratutto in passato e definita black hat SEO che consiste nel ripetere la stessa parola chiave decine di volte in una pagina per ingannare Google e altri motori di ricerca a pensare che il contenuto della pagina web sia strettamente legato a questa parola.

Più parole chiave sono presenti, maggiore sarà la loro possibilità di apparire in alto nei risultati.

Le parole chiave “farcite” erano spesso usato nel titolo, descrizione e meta tag di una pagina web per essere sicuri che la pagina sia arrivata nelle prime posizioni per molte parole chiave.

Perché Google Ha Penalizzato Questa Tecnica

Le pagine in cui le parole chiave venivano ripetute più volte del necessario mostravano due problemi: una probabile mancanza di contenuto e un possibile tentativo di ingannare gli utenti con informazioni fuorvianti.

Infatti, alcuni motori di ricerca (primo tra tutti Google) hanno deciso di punire coloro che hanno utilizzato questa tecnica classificando le loro pagine web più in basso.

In alcuni casi, gli spammer sono stati banditi a vita dopo essere stati beccati più volte a utilizzare tecniche di keyword stuffing sui loro siti.

5 Consigli Su Come Evitare Le Penalizzazioni A Causa Del Keyword Stuffing

Fondamentalmente ci sono cinque consigli (best practice) che dovresti seguire per assicurarti che il tuo sito non subisca tali conseguenze.

1. Creare Contenuti Di Valore per Gli Utenti

Non solo conformi alle regole dei motori di ricerca. Ricorda che risolvere i problemi degli utenti che stanno leggendo quello che avete scritto è il miglior modo per salire in cima alle SERP.

2. Non Usare Solo Frasi Chiave Perché Questo Crea Una Cattiva Esperienza Utente E Fa Sembrare Il Tuo Contenuto Innaturale

Se avete bisogno di un esempio, pensate a quei siti dove ogni titolo inizia con “Come faccio a…” o “Top 10 modi per…” È bene che gli utenti abbiano un’idea di ciò che possono trovare in una pagina, ma non se diventa un requisito obbligatorio.

3. Usa Le Parole Chiave in Modo Naturale Nel Testo

Non ripeterle così tante volte che non c’è variazione tra le frasi. Questo non significa che non puoi menzionare la stessa parola chiave più di una volta, ma non impazzire (esagerare).

4. Controlla Che Non Ci Siano Testi O Link Nascosti, Compresi Quelli Contenuti Nell’attributo “alt” Delle Immagini

Questo perché gli spammer hanno spesso usato questo trucco per aumentare il numero di “visite” ai loro siti, cliccando sui propri annunci senza lasciare il sito che stavano visitando.

5. Seguite Il Vostro Sito E Monitorate Costantemente I Segni Di Keyword Stuffing per Mezzo Di Strumenti Speciali

che registrano l’uso di parole chiave sulle vostre pagine web e software di analisi che misurano la loro densità. Lo strumento per eccellenza in ambito SEO è Semrush.

Cosa Devo Fare Se Il Mio Sito Soffre Di Keyword Stuffing?

Se il tuo sito è penalizzato perché hai usato il keyword stuffing, non preoccuparti.

Prima di tutto, controlla le linee guida di Google in modo da capire cosa devi cambiare e poi contatta dei professionisti che sanno come pulire il tuo sito o lavorarci con metodi white hat senza rischiare futuri problemi con la grande G.

Gli algoritmi di Google sono molto intelligenti e possono determinare se una pagina è piena di parole chiave semplicemente analizzando il suo contenuto. Quindi, se non ci sono contenuti di valore che risolvono i problemi degli utenti, non ci sono possibilità che le vostre pagine siano classificate in alto nei risultati di ricerca.

RICORDATEVI SEMPRE: il contenuto di qualità è più importante di qualsiasi altra cosa! Non c’è un trucco complicato (anche se efficace) per posizionarsi in alto su Google, solo scrivere articoli utili per le persone reali.

In alternativa, per chi volesse risolvere da solo i problemi del proprio sito web, SemRush è uno strumento meraviglioso ed è il leader indiscusso degli strumenti che ti consente di tracciare i tuoi sforzi SEO e (anche) quelli dei tuoi concorrenti in modo da spiare tutte le strategie di marketing e riprodurle nei vostri progetti.

C’è anche un’opzione “SEO” che analizza ciò che il tuo sito può migliorare nelle sue pagine usando certe parole chiave invece di altre. Questo vi permetterà di identificare dove ci sono problemi e risolverli con un auditt SEO prima che Google lo faccia per voi!.

Un Possibile Cambiamento Di Algoritmo: Google BERT (NLP)

L’introduzione alla fine del 2019 del nuovo modello di “linguaggio naturale” utilizzato da Google ha cambiato radicalmente le strategie di lavoro dei professionisti SEO, chi lo sa usare nel modo più consono è ancora in grado di salire in alto nelle SERP ma deve concentrarsi maggiormente sulla creazione di contenuti originali rispetto ai tempi precedenti in cui si poteva cavarsela con la semplice ripetizione delle parole chiave.

Le migliori pratiche SEO raccomandano di usare diverse parole per un dato argomento piuttosto che usare una parola chiave ripetutamente. Fate anche attenzione a scegliere quali parole mettere in evidenza a seconda di ciò che volete ottenere: se volete che la gente visiti una pagina particolare, usate le parole chiave nel titolo.

Conclusione

Dopo aver letto questo articolo spero che ora tu abbia una migliore comprensione di cosa è il keyword stuffing e di come evitare le penalizzazioni. Se è così, perché non condividere questa conoscenza con gli amici? Un solo click per te significa un passo più vicino per la mia carriera SEO…

Saluti! 🙂

0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Sentitevi liberi di contribuire!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.